Ars, approvate mozioni Nove sono del Movimento Cinque Stelle - Cronache Parlamentari Siciliane

Ars, approvate mozioni
Nove sono del Movimento Cinque Stelle

3 luglio 2018

Aula, slide

[mar 3 lug 2018] L’Ars ha approvato oggi  numerose mozioni durante la seduta presieduta dal vicepresidente Roberto Di Mauro. I lavori sono stati rinviati a domani (mercoledì 4 luglio) alle 16  con il seguito della discussione di mozioni ed interpellanze.

Nove mozioni approvate oggi pomeriggio portano la firma del Movimento Cinque Stelle: dal turismo, alla sanità, alla disabilità al settore dell’ allevamento. L’Aula ha detto sì alla mozione, a prima firma di Giancarlo Cancelleri, che impegna il governo ad istituire presso l’assessorato regionale per il Turismo un fondo per la destagionalizzazione, volto ad incentivare, attraverso uno sconto sui voli e strutture ricettive, la presenza dei visitatori nei periodi di bassa stagione. Ok da Sala d’Ercole anche alla mozione a firma di Francesco Cappello per impegnare il governo a governo a farsi parte attiva per imporre ai direttori generali ed ai commissari straordinari delle aziende ed enti del servizio sanitario regionale a porre in essere le necessarie procedure per il reclutamento del personale medico ed infermieristico. Sì anche alle creazione di uno sportello unico sulla disabilità, e alle verifiche nella composizione della commissione medica per l’esame della disabilità. Approvata anche la mozione del M5S, primo firmatario Giorgio Pasqua, sull’esenzione della quota di compartecipazione alla spesa farmaceutica per i soggetti trapianti. Semaforo verde anche per la mozione della capogruppo Valentina Zafarana che impegna il governo regionale a destinare 3 milioni di euro per favorire l’esenzione del ticket sanitario per gli inoccupati. Ancora sul fronte sanitario approvata  la mozione del deputato messinese Antonio De Luca che impegna il governo Musumeci ad emanare il decreto che garantisce la possibilità di trasferimento delle farmacie presenti nei piccoli comuni, che rischierebbero la chiusura perché situate in comuni che non superano i 12.500 abitanti. Sul fronte vaccini, ok a mozione, sempre di De Luca, che impegna il governo a nuove modalità di recupero dei non vaccinati, alla luce dell’approvazione della legge che impone 10 vaccinazioni obbligatorie. Buone notizie anche per gli allevatori siciliani grazie alla mozione della deputata Elena Pagana che chiede il rifinanziamento del fondo a favore degli allevatori che hanno dovuto procedere alla macellazione dei capi colpiti da tubercolosi, brucellosi e leucosi.

In apertura di seduta sfogo del deputato Pd Nello Dipasquale. “Ho preso il treno – ha detto – ho fatto un viaggio di quattro ore e mezzo per essere qui, oggi, per discutere la mia interrogazione che riguarda il sistema di raccolta dei rifiuti nel comune di Scicli. L’avevo presentata a febbraio, dopo cinque mesi è stata finalmente messa all’ordine del giorno ma la sua trattazione slitta perché l’assessore non è in aula”. L’assenza dell’assessore Pierobon ha infatti determinato lo slittamento della discussione dell’interrogazione. “Non si fa così – ha aggiunto Dipasquale – in questo modo si disincentivano i parlamentari a svolgere la loro funzione”. Subito dopo ha preso la parola il presidente di turno Roberto Di Mauro: “in aula c’è l’assessore alla Salute – ha detto – possiamo trattare le mozioni che riguardano la sanità”.