Allarme acqua nell'agrigentino, il caso in IV Commisisone - Cronache Parlamentari Siciliane

Allarme acqua nell’agrigentino, il caso in IV Commisisone

31 gennaio 2018

Commissioni

[mer 31 gen 2018] Si è svolta stamattina all’Ars la seduta della commissione Ambiente e Territorio presieduta dalla parlamentare di Diventerà Bellissima Giusy Savarino. All’ordine del giorno la complessa vicenda che coinvolge 27 comuni dell’Agrigentino dove i contratti per la fornitura idrica sono gestiti dalla società privata Girgenti Acque. La commissione dell’Ars ha iniziato ad esaminare la delicata vicenda che vede diversi comuni dell’Agrigentino sottoposti alla procedura di infrazione da parte della comunità europea e un costo altissimo imposto ai cittadini per la distribuzione dell’acqua. In audizione il presidente dell’Ambito Territoriale idrico di Agrigento, Vincenzo Lota’ che ha affermato: “E’ stato fatto un tentativo da parte nostra di diminuire la tariffa del 2,5%, ma subito la società Girgenti Acque ha presentato ricorso e uno dei motivi a sostegno del ricorso è il prezzo altissimo che dice di pagare per l’acquisto dell’acqua da Siciliacque, un costo – ha sostenuto Lota’ – superiore al doppio di quello che si paga in tutta Italia. che viene poi riversato sulla tariffa che vanno a pagare i cittadini”.

L’allarme è stato lanciato anche dal capogruppo Udc Margherita La Rocca Ruvolo, sindaco di Montevago, comune dell’agrigentino, che ha denunciato: “I cittadini dei comuni che hanno ceduto la gestione delle reti idriche ai privati pagano in media 700 euro l’anno di consumi idrici per un nucleo familiare, chi non l’ha ceduto continua a pagare una tariffa dignitosa, inferiore di sei volte. C’e’ in atto una stortura visibilissima, le inadempienze dei singoli comuni sono gravissime – ha aggiunto La Rocca Ruvolo – ma anche l’ente gestore aveva gia’ dieci anni fa una rete colabrodo che non ha mai pensato di ristrutturare, nonostante i milioni di fondi che sono stati forse utilizzati per altro”. La parlamentare Udc ha poi segnalato casi, come quello del comune di Naro “che non si approvvigiona d’acqua da circa 20 giorni” o Favara che ha indetto per sabato una manifestazione per sollevare attenzione sull’emergenza idrica.

    , , ,