Cerimonia del Ventaglio, parla Miccichè:abbiamo messo in ordine i conti dell'Ars - Cronache Parlamentari Siciliane

Cerimonia del Ventaglio, parla Miccichè:
abbiamo messo in ordine i conti dell’Ars

31 luglio 2018

Focus, Parlamento, slide

[31 lug 2018] Dedicare un giorno alla settimana ai disegni di legge di iniziativa parlamentare. E’ la proposta lanciata dal presidente dell’Ars, Gianfranco Miccichè, durante la tradizionale cerimonia del ventaglio della XVII legislatura con la stampa parlamentare a Palazzo dei Normanni. Presenti anche il presidente della stampa parlamentare siciliana Giovanni Ciancimino e i vicepresidenti dell’Ars Giancarlo Cancelleri e Giovanni Di Mauro.

L’inizio di legislatura. “Non è stato esaltante – ha detto Miccichè –  è vero, ma abbiamo ottenuto un grande risultato: abbiamo rimesso in ordine i conti dell’Assemblea e ridotto i costi dell’Assemblea grazie all’impegno dei dipendenti di Palazzo dei Normanni. Nessuno poteva imporre ai dipendenti dell’Ars di ridursi gli stipendi, ma lo hanno fatto. E poi sono molto contento dei complimenti che abbiamo ricevuto dalla Corte dei Conti per il riordino delle regole sui collaboratori esterni: risparmieremo circa un milione e mezzo all’anno, per un totale di circa 7 milioni di euro complessivi alla fine della Legislatura”.

Attività parlamentare. “Non posso dire che questa sia un’Assemblea di lavativi, certo se la paragoniamo a quella di alcuni anni fa ci sono deputati meno preparati rispetto a gente come Lauricella, D’Acquisto e Alessi. Ma ci sono giovani bravi, in tutti i gruppi, che hanno tanta voglia di fare e con i quali mi confronto. E’ una buona Assemblea, ora deve dimostrarlo facendo buone cose”. Per Miccichè l’attività parlamentare “è in linea con l’inizio delle legislature passate”.

Voto segreto. “Ho già fissato una riunione con la commissione regolamento per questa settimana, abbiamo iniziative in campo per semplificare il sistema parlamentare. Penso anche al voto segreto, per me è il padre dell’imbroglio. Posso capirlo per questioni di coscienza – ha detto – ma non può essere esercitato su questioni finanziarie. Su questo siamo indietro di cinquant’anni rispetto al Parlamento nazionale”.

Leggi. “Il governo ha fatto quello che doveva fare sulla parte economica – sottolinea Miccichè – in ogni legislatura i primi sei mesi non sono stravolgenti dal punto di vista dell’approvazione di leggi e comunque non me ne frega nulla del numero, guardo alla qualità. In compenso all’Ars abbiamo fatto un lavoro enorme sulla riduzione dei costi e su altri fronti, come le tante iniziative culturali fatte e in fase di organizzazione”.

Santa Rosalia. “La Fondazione Federico II sta facendo un lavoro straordinario, sono più che soddisfatto del direttore che ho nominato. Speriamo di aprire il portone monumentale di Palazzo dei Normanni il 4 settembre, il giorno di Santa Rosalia, che ha abitato questo palazzo, tornerà a casa”.